Internet è predominante per le vendite

Ormai è così ovvio che quasi fa strano dirlo: internet è fondamentale per vendere.

Non fa alcuna differenza se parliamo di assicurazioni, tecnologia, oppure di commercio; la tendenza che tutti i consumatori del mondo hanno in comune si chiama “Ricerca su Google”.

Internet è, a conti fatti, un'estensione della nostra mano, e per rendertene conto ti basta pensare a com'è il tuo smartphone quando non hai connessione. Se anche al solo pensiero ti sale un senso di fastidio, allora significa che hai capito.

1 - Quanto è facile fare un e-commerce che funziona

“Metto su un sito con quattro foto, il mio numero di telefono, il carrello ed è fatta.”

Niente di più sbagliato.

Chi affronta il passaggio all'ecommerce in maniera inconsapevole raramente ottiene risultati, perché l'e-commerce è un business, e come tutti i business necessita di un attento studio prima di iniziare.

Ecco infatti alcuni degli aspetti critici più sottovalutati:

  • I trasporti, che in molti siti sono gratuiti se si supera un importo minimo, oppure se si acquistano servizi premium come Amazon Prime.

  • I contenuti, ovvero le foto dei prodotti, i testi di descrizione, gli approfondimenti e le recensioni dei clienti. Queste informazioni vengono spesso copiate dai siti dei produttori, penalizzando fortemente il posizionamento nei motori di ricerca.

  • Il diritto di reso, che dal 2014 si estende a quattordici giorni solari dal momento della consegna della merce (gazzetta ufficiale: http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2014/3/11/14G00033/sg)

  • Il servizio clienti (gratuito), che spesso avviene tramite chat e email, e rispetto al quale è importante avere molta attenzione, perché chi non risponde in tempo rischia recensioni negative.

Ma non è tutto.

2 - Perché l'e-commerce nel mondo dell'abbigliamento è ancora più complesso

Cosa c'è di più complesso di quello che abbiamo appena detto?

Te lo dico subito:

  1. Per vendere capi d'abbigliamento (o scarpe) online è necessario gestire bene le taglie, i colori, i tessuti, i modelli, le trame e molte altre informazioni che complicano la gestione ordinaria della vita in negozio. Questo perché per un singolo modello esistono moltissime varianti in base al colore e alla taglia, che in fase di vendita online devono essere specificate. In pratica, se vendi in negozio l'ultima giacenza di quel vestito blu da donna in taglia XS che avevi nel sito, ti conviene nasconderlo prima che qualcuno lo acquisti online. Altrimenti dovrai rendergli i soldi e scusarti per il disservizio.

  2. Collegato al problema precedente c'è il fatto che i clienti potrebbero avere problemi di “fitting”. Immagina di vendere quel vestito blu di prima: se la cliente che lo acquista online non ha il fisico giusto per indossarlo, te lo renderà (se è abbastana volenterosa), oppure semplicemente non comprerà più nessun vestito dal tuo negozio online. Ma questo non è l'unico aspetto critico: dal momento che per legge il diritto di reso si estende a quattordici giorni lavorativi dopo la consega della merce, può capitare che i capi di moda che vengono resi siano poi difficili da vendere.

  3. I competitors sono fortissimi. Hanno grandi brand alle spalle, sfruttano grandi campagne pubblicitarie per spingere le vendite e riescono ad arrivare ovunque.

Ecco perché possiamo tranquillamente dire che aprire un e-commerce nel mondo dell'abbigliamento e calzature è costoso, complesso, e dal risultato incerto.

3 - Che fare allora?

Partirei prima analizzando cosa NON ti conviene fare:

  1. Far finta di niente, e continuare a restare al di fuori di internet per vendere i prodotti. Perché se il mondo di oggi è interconnesso, quello di domani sarà inter-nativo. Cioè sarà impensabile voler vendere qualcosa senza sfruttare la rete: dal mondo dell'automotive a quello dei libri di ricette, la tendenza è di potenziare sempre di più la presenza online. Se sei fuori perderai sempre più opportunità.

  2. Usare i social network come soluzione per tutti i mali. I social ti servono per pubblicizzare le collezioni, non per mostrare tutti i prodotti. Se stai usando la tua pagina di Facebook per mostrare direttamente i capi delle nuove collezioni corri il rischio che i tuoi clienti vedano merci che non hai più disponibili!

  3. Vendere attraverso marketplace esterni. Se vendi articoli di abbigliamento non puoi prescindere dal tuo ruolo di consulente per i clienti, qundi non ti puoi permettere il lusso di lasciare che qualcun'altro pubblicizzi i prodotti al posto tuo. Perché è molto probabile che tu non abbia l'esclusiva mondiale dei prodotti che vendi, e che quindi ci sia qualcuno che vende gli stessi prodotti ad un prezzo inferiore. Lascio trarre a te le conclusioni.

4 - Ciò di cui hai bisogno

Hai bisogno di valorizzare il tuo ruolo di consulente nei confronti dei clienti che ti sei conquistato con fatica nel tempo.

Ciò che devi fare è sfruttare sistemi che ti aiutino ad elevare le potenzialità del tuo negozio, sia online che offline.

Per questo motivo, ti invito a vedere subito la nostra breve guida

“Come competere
con le multinazionali del fashion
[senza complicarti la vita]
anche se hai un piccolo negozio.”

In questa guida scoprirai come puoi affrontare i grandi brand dell'abbigliamento per sviluppare il tuo negozio. Il tutto con un processo graduale, in cui sarai affiancato dai nostri tecnici.

Clicca qui!

 

 


ABOUT ME

Filippo Biasiolo

Giovane ed entusiasta del mio lavoro. Ho creato Wugis e mi piace condividere riflessioni sulla tecnologia applicata al mondo delle imprese.


POST RECENTI

"Software gestione commesse – i tre requisiti minimi"
"Software gestione interventi tecnici: tre falsi miti"
"Immagine aziendale e percezione di qualità"

Vuoi vedere Wugis in azione?

Scorpi le nostre guide gratuite!

COME MIGLIORARE LA GESTIONE DELLE ASSISTENZE
Grazie alla web app Wugis Tecnici.
COME MIGLIORARE LA GESTIONE DELLE VENDITE
Grazie alla web app Wugis Venditori.
COME MIGLIORARE LA GESTIONE DEL TUO NEGOZIO
Grazie alla web app Wugis Shop.



- P. IVA 03437850245 -- Policy -- Lavora con noi -- Powered by The Software Dimension -- contatti -

Rispetta l'ambiente

Se non stai guardando questo sito, lascia la pagina oscurata.
Uno schermo nero consuma molto meno di uno bianco!