Come competere
con le multinazionali del fashion
[senza complicarti la vita]
anche se hai un piccolo negozio.

Ciao. Se sei qui significa che stai cercando soluzioni per liberarti dal peso della concorrenza schiacciante delle multinazionali del fashion.

Infatti se hai un negozio di abbigliamento o calzature, saprai meglio di me quanto pesano sul tuo giro d'affari tutte quelle migliaia di negozi tutti uguali in tutto il mondo. Pesano perché arrivano per primi nella testa dei tuoi clienti, relegandoti in un ruolo minoritario.

Ma prima di iniziare lasciami fare una premessa.
In questa pagina non troverai:
  • formule magiche per il tuo marketing sui social network
  • e neppure pillole di motivazione.
Noi di Software Dimension s.r.l. produciamo applicazioni web, e pertanto ti parlerò di come soltanto la nostra piattaforma, Wugis, possa permetterti di effettuare un salto di livello.

Partiremo analizzando gli aspetti fondamentali del successo di queste grandi aziende (i punti principali sono pochi e lodevoli), e vedremo:
  • quali fattori potrai emulare fin da subito nel tuo negozio,
  • e quali altre mosse puoi fare per distinguerti
e diventare un punto di riferimento assoluto per i tuoi clienti.

Molto bene, iniziamo.

1 - Il fattore V

La prima cosa da capire è perché le multinazionali hanno così tanto successo nel fattore Vendite.

Questo enorme successo nei profitti si basa su una strategia che parte molto prima dell'incontro con in cliente, molto prima della scelta dei colori del logo, degli arredamenti e dei centri commerciali.

Infatti è il posizionamento preciso del brand che permette loro di porsi come punto di riferimento per il target che hanno preventivamente designato. E, ovviamente, all'interno del loro target ci sono anche i tuoi clienti.

Ecco perché questi soggetti sono tuoi competitor.

Dunque, poiché i brand delle multinazionali sono posizionati in modo adeguato nel mercato, i loro clienti sono i primi ad interessarsi alle nuove collezioni, a consultare i siti web e i canali social, e di conseguenza a visitare i punti vendita.

Il che è generalmente il contrario di quanto accade tra i clienti dei piccoli negozi.
Difatti, il piccolo negoziante sfrutta tutti i canali pubblicitari possibili per far entrare clienti in negozio: usa i social network per pubblicare le foto dei nuovi arrivi, pubblicizza il negozio nei giornali e nelle radio locali, e sponsorizza fiere di paese per farsi conoscere.

In genere il pensiero di fondo è: "se sentono parlare di me entreranno in negozio, e se entrano in negozio qualcosa riuscirò a vendere!"

Vero, ma NON SUFFICIENTE. Non sufficiente perché obbligare i clienti a venire in negozio per vedere la merce disponibile non garantisce la loro soddisfazione.

Soprattutto in un'epoca in cui, nei social e su internet, i tuoi clienti sono bombardati dalla pubblicità delle nuove collezioni dei grandi brand. Collezioni che possono vedere in qualsiasi momento dal loro smartphone, anche a distanza di parecchie decine di chilometri dallo store più vicino.

È quindi naturale che pensino prima a loro, e soltanto poi a te.

Così facendo perdi moltissime occasioni.

2 - La strategia di attacco: il customer service


E qui so che rischio di deluderti. Il customer service NON riguarda necessariamente la relazione con il cliente: quindi non è quanto sei gentile, né quanto riesci a consigliare i clienti indecisi.

Invece, il vero customer service è una serie di attività quotidiane che consentono al cliente di avere un'esperienza di acquisto di livello superiore rispetto alla media. Un servizio unico nel suo genere.

Quali sono queste attività?
Analisi sistematica dei profitti, per capire quali merci sono migliori di altre;
Promozione mirata di merci a piccole categorie di clienti;
Gestione sapiente dei saldi di fine stagione.

In pratica, si tratta di capire cosa vuole veramente il tuo cliente, e farglielo sapere prima che possa pensare di cercarlo.

Queste attività sono il cuore del vero customer service, che è a tutti gli effetti un potenziamento del ruolo del commerciante nei confronti dei propri clienti.

Così si diventa dei punti di riferimento reali.

3 - Incontrerai delle difficoltà


Nella nostra esperienza con diversi negozi abbiamo individuato tre grandi problemi che incontrerai sicuramente se vorrai affrontare anche tu questo tipo di percorso di crescita.

Di fatto, come accade nella maggioranza dei casi, ignorare questi problemi ha come logica conseguenza grandi sprechi di tempo e denaro.

Ed è proprio perché anche solo il capire come si risolvono questi tre problemi è fondamentale per chi vuole porsi come un vero punto di riferimento per il proprio target, che abbiamo realizzato tre video gratuiti.

Video 1
I tre GRANDI problemi dei negozi di abbigliamento e calzature e quali conseguenze hanno nella tua vita di tutti i giorni
Video 2
Le soluzioni a questi problemi e quali conseguenze potrebbero avere nella tua vita di tutti i giorni
Video 3
Come applicare le soluzioni (e quanto è facile farlo con Wugis Shop)


Pertanto ti invito a compilare subito il form qui sotto per accedere ai video, e iniziare a riconoscere nelle tue giornate lavorative gli effetti dei tre grandi problemi.

Filippo Biasiolo
Software Dimension s.r.l.


Richiedi ora i tre video gratuiti!

Nome:
Cognome:
Azienda:
Email:



- P. IVA 03437850245 -- Policy -- Lavora con noi -- Powered by The Software Dimension -- contatti -
Questo sito utilizza strumenti di profilazione come google Analytics.